0

La filosofia per bambini ai tempi del Coronavirus

La filosofia per bambini ai tempi del Coronavirus

12/05/2020

Comments

Cari genitori e docenti,

in queste giornate di lontananza forzata abbiamo pensato a come far trascorrere il tempo ai vostri bambini con attività creative e divertenti! 

Dobbiamo ricordare che ciascun alunno è da sempre forza motrice di creatività. In maniera spontanea è attore delle sue emozioni e con le fasi di crescita impara a interiorizzarle per conoscersi e per conoscere il mondo. Iniziare a confrontare le emozioni personali con il mondo esterno è un passo importante e mai scontato, talvolta anche faticoso. Per affrontare questo momento ci sono molte attività di filosofia per bambini che ci permettono di accompagnarli nella loro crescita emotiva, in maniera graduale e rispettosa del loro mondo, speciale e mai scontato.

Pensiamo che la creatività sia loro per antonomasia; sono gli anni a venire, quelli della scolarizzazione, che tenderanno a oscurare questo scintillìo di ragionamento, vivo, spontaneo ma presto omologato con la società. Spingiamoli a sostenere in maniera autonoma i loro pensieri, a esternare il proprio punto di vista senza timore di un giudizio esterno. Con il tempo questi processi diverranno una pratica per riuscire a leggere e  interpretare in maniera più consapevole tutto ciò che accade intorno a noi.

Distinguere le emozioni, immaginare per mondi possibili e soprattutto consapevoli che con l’immaginazione si può arrivare un po’ ovunque… facciamolo!

A seguire alcune proposte.

C’è un tempo per….

Inizia a riflettere seguendo questi spunti:

  • La scuola è chiusa. Hai un sacco di tempo per giocare e dedicare le giornate a fare attività divertenti ma… se potessi esprimere quello che provi veramente in questo momento cosa vorresti dire?
  • Come ti senti adesso?
  • Le emozioni che provi sono diverse rispetto a due mesi fa ma è davvero tutto ricoperto da un velo di tristezza? Se ci pensi hai molto più tempo per condividere gli affetti familiari e per dedicarti del tempo per giocare.

L’obbligo di stare in casa, lontano dagli amici e dalla scuola, non può essere colmato solo dalle lezioni on line. Quando fai off sul pc le emozioni che provi cambiano, si evolvono nella giornata. Possiamo provare a esternarle in qualcosa di divertente.

  • Prendi un foglio bianco formato A4 e piegalo in 2. Avrai un foglio che si apre come un libro da sfogliare.
  • Sulla prima facciata scrivi “IO ERO…” e disegnati.
  • Sulla seconda e terza facciata crea, disegna, ritaglia e incolla tutti gli smiles che rappresentano come ti senti.
  • Sulla quarta facciata scrivi “IO SONO…” e disegnati.

Questo sarà l’inizio del tuo libro delle emozioni. Ogni settimana potresti aggiungere un foglio, le emozioni a volte cambiano ma a volte no. Al posto degli smiles potrai iniziare a scrivere la tua lista delle priorità: cosa vuoi iniziare a fare adesso che sei a casa? Tante attività che hai sempre rimandato ora possono trovare il loro momento di realizzazione.

Scrivere è ormai moda d’altri tempi ma riserva sempre grandi emozioni e permette di esternarle. Prendi carta e penna, matite e colori…


Caro amico ti scrivo…

Rifletti.

  • È davvero così bello stare lontano dai miei compagni (e se vuoi dalle maestre)?
  • Se potessi… direi…
  • Se potessi… farei…
  • Come mi sento? Sono felice?

Crea la tua cartolina con disegno su un lato e testo sull’altro.

Ricorda che le emozioni, quando non possiamo usare la gestualità, non si comunicano solo a parole ma soprattutto con tratti grafici, disegni, colori.

  • Ecco un messaggio che vorrei inviare al mio amico, alla mia classe, ai miei maestri…

Grazie a queste attività pratiche anche i più piccoli possono provare a esprimersi con un disegno, un fumetto, una creazione artistica oppure utilizzando una delle modalità di lavoro che preferiscono o inventandone una (importante è utilizzare tutti i materiali da riciclo che ci sono in casa e non comprare niente). Di questi tempi non si può uscire e se ci soffermiamo a osservare bene ciò che abbiamo a disposizione troveremo risorse interessanti anche a casa nostra.

Allenando la libertà di pensiero e di parola arriveranno a riflettere sul sé in maniera consapevole, pronti ad affrontare la sfida per un confronto stimolante con l’altro. Coltivare la loro vivacità di pensiero, anticonformistica, genuina e unica (perché ognuno di noi lo è) sarà la vera scommessa.

La creatività non ha bisogno di suggerimenti.

Buon lavoro… anzi… buon gioco!

Related Posts

La Creatività al primo posto

La Creatività al primo posto

Impariamo troppo tardi quanto il processo di ricerca e di scoperta sia tutt’altro che lineare, e quanto sia ricco di eventi casuali e inaspettati. Il modo cui si studiano tradizionalmente le scienze è costituito da una serie di fatti, di nozioni e, soprattutto, di esperimenti “vincenti”, slegati da tutti i fertili tentativi sbagliati, dalle intuizioni collaterali, dagli apporti da parte della comunità scientifica e non.

leggi tutto
DSA: difficoltà e strategie di apprendimento

DSA: difficoltà e strategie di apprendimento

Risulta molto importante considerare il funzionamento degli alunni DSA per poter riflettere sulle differenze individuali e su ciò che questo comporta a livello di didattica. Ogni studente deve avere i mezzi necessari per studiare e per autorealizzarsi. Riflettiamo quindi sul modo in cui i singoli acquisiscono ed elaborano informazioni, come funziona individualmente la persona e quali modalità di apprendimento utilizza. Per questa ragione è importante alle volte tralasciare gli errori commessi e focalizzarsi sulle potenzialità del singolo individuo.

leggi tutto

0 Comments

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *